Arcangel Images e Trevillion sono agenzie che vendono foto e illustrazioni a prezzi alti e con modalità diverse dai loro concorrenti.

Un ascoltatore le ha scoperte e le ha testate, condividendo la sua esperienza.

In questo episodio si parla anche di:

  • nicchie che stanno funzionando;
  • cosa succede se si cancellano contenuti dalle agenzie;
  • pregi e difetti di essere freelance;
  • liberatorie per le persone fotografate per strada;
  • come ottenere una tassazione alla fonte agevolata;
  • perché alcuni produttori hanno i guadagni in calo;
  • differenza tra i clienti di Shutterstock e quelli di Pond5;
  • il mio progetto di fondare un'agenzia.

Leggi il testo del podcast e accedi ai link citati.

Nel podcast insegno ai fotografi e ai videomaker, amatori e professionisti, come fare a guadagnare vendendo i loro contenuti su siti come Shutterstock, Videoblocks e Pond5.

Non ho la pretesa di essere tecnicamente più bravo degli altri produttori, ma gli oltre 100 mila euro di royalties che ho portato a casa implicano che forse io abbia qualche titolo per spiegare agli altri come fare a vendere foto e video online.

Puoi seguirmi su questa pagina o su Itunes.

Le agenzie di microstock hanno abbassato il livello delle selezioni dei contenuti che accettano, ma questo non vuol dire che sia più facile vendere, perché la quantità di stock images e stock footage presente online, implica che chi non appare in cima ai risultati che vengono mostrati ai compratori, non ha possibilità di guadagnare.

L'episodio parte con la storia di un produttore che ha sperimentato sulla sua pelle questo cambiamento.

Leggi il testo del podcast e accedi ai link citati.

Il microstock è un ottimo modo per monetizzare la passione per la fotografia e la ripresa video. Per riuscirci però non basta comportarsi da amatori, ma serve professionalizzare la produzione. Se non lo si fa non si ottiene nulla.

La puntata inizia con la storia di un produttore che ha creato una discreta quantità di stock images e stock footage ma in 6 mesi non ha portato a casa (quasi) nessuna royalty.

Leggi il testo del podcast e accedi ai link citati.

L'unico modo per guadagnare con il microstock, in un'epoca di concorrenza crescente come succede oggi, è non improvvisare e comportarsi come professionisti che hanno le idee chiare e costruiscono un progetto per realizzarle nella maniera più efficiente possibile.

Questo deve partire dalla scelta dei soggetti, dalla creazione di procedure di lavoro strutturate e dalla velocizzazione della fase di keywording grazie agli strumenti digitali che possono fare quel lavoro al posto del fotografo.

Leggi il testo del podcast e accedi ai link citati.

Il microstock è composto da 4 fasi: pianificazione, produzione, post-produzione e keywording. Il segreto per guadagnare è capire subito cosa non vende. Per farlo non serve l'intuito, ma basta usare uno strumento gratuito che se si digita una parola chiave dice quante possibilità di vendere ha il soggetto che la contiene.

Leggi il testo del podcast e accedi ai link citati.

Nonostante da tempo si dica che il mercato delle stock images sia saturo, in questo episodio Daniele Carrer racconta la storia di un'architetto con la passione per la fotografia che ha iniziato con il microstock un paio d'anni fa e, ritagliandosi spazio in una nicchia, è riuscita ad arrivare a guadagnare due mila euro al mese vendendo foto online: molti più di quelli a cui può puntare oggi con la sua professione.

Leggi il testo del podcast e accedi ai link citati.

I guadagni derivanti dalla vendita di stock images e stock footage sono, almeno inizialmente, modesti rispetto a un normale stipendio.

Pur essendo una grande tentazione cambiare vita partendo dalla lettera di dimissioni dal lavoro che non si sopporta, se si fa così sperando di vivere di microstock si rischia nei mesi successivi alla scelta di pentirsi di quello che si è fatto.

Leggi il testo del podcast e accedi ai link citati

Vendere online foto di montagna e preoccuparsi degli scarsi guadagni è il tipico errore che fa il principiante che prova a guadagnare con le stock images e la sua passione per la fotografia, ma sbaglia completamente i soggetti.

Leggi il testo del podcast e accedi ai link citati

Dreamstime è sempre stata un'agenzia di medio livello per i produttori di foto e video, ma con i recenti cambiamenti dell'interfaccia utente è migliorata sia per dal punto di vista di chi acquista sia da quello di chi vende contenuti.

Leggi il testo del podcast e accedi ai link citati

La concorrenza nella vendita di foto e video online è aumentata talmente tanto, che alcuni produttori, pur caricando nuovi contenuti, non riescono a guadagnare di più, il microstock però, nel giro di qualche anno, diventerà l'unico business possibile per la gran parte dei fotografi e dei videomaker.

Leggi il testo del podcast e accedi ai link citati

Google ha appena lanciato uno strumento che, attraverso l'intelligenza artificiale, riconosce le keyword da associare alle foto. Un'utilità che permette a chi vende stock images e stock footage di risparmiare tempo per spedire i propri contenti ai microstock.

Leggi il testo del podcast e accedi ai link citati

Il mondo del microstock è in continua evoluzione, con agenzie che si espandono come Videoblocks/Storyblocks, altre che chiudono come Artbeats e le classiche Pond5 e Shutterstock che continuano a vendere.

Leggi il testo del podcast e accedi ai link citati

Ho guadagnato più di 100 mila euro vendendo foto e video online. Oggi la gran parte dei produttori storici sostiene che sia impossibile vendere come una volta. In realtà le cose non stanno proprio così.

Leggi il testo del podcast e accedi ai link citati

E' uscito uno strumento che permette con una precisione mai raggiunta prima di interpretare le foto ed associare a queste le parole chiave relative ai soggetti ritratti: ore di lavoro risparmiate per chi vende stock photography.

Leggi il testo del podcast e accedi ai link citati

Dreamstime è sempre stata un'agenzia di medio livello per i produttori di foto e video, ma con i recenti cambiamenti dell'interfaccia utente è migliorata sia per dal punto di vista di chi acquista sia da quello di chi vende contenuti.

Leggi il testo del podcast e accedi ai link citati

Shutterstock, Pond5, Videoblocks e le altre agenzie pagano i produttori con Paypal senza addebitare nessuna spesa d'incasso. Il problema è che Paypal fa la cresta sul cambio dollaro/euro, ma c'è un modo per evitarlo.

Leggi il testo del podcast e accedi ai link citati

La storia di un ex fotografo professionista, che poi ha scelto altre strade professionali, ma un giorno si è ritrovato disoccupato perché la sua Azienda ha "ristrutturato" ed è rinato grazie alla fotografia stock.

Leggi il testo del podcast e accedi ai link citati

La concorrenza tra microstock e tra produttori ha portato ad un aumento enorme dei fatturati totali delle agenzie, ma anche ad un abbassamento dei prezzi di vendita delle stock images e dello stock footage. Anche per questo oggi Shutterstock paga spesso pochi centesimi a vendita.

Leggi il testo del podcast e accedi ai link citati

ASCOLTA IL PODCAST SU ITUNES E SE TI VA LASCIA UNA RECENSIONE

Ascolta anche i primi 47 episodi: più di 15 ore di consigli per aumentare i tuoi guadagni nella vendita di foto e video online, insieme a testi, link e contenuti extra.

Attenzione, il prezzo si intende IVA esclusa. Se si indica che il pagamento viene effettuato dall'Italia, l'IVA è del 22% (10,34 euro). Se si indica che il pagamento viene effettuato dall'estero valgono le norme sull'IVA vigenti in quel Paese (Svizzera, San Marino, USA e molti altri Paesi sono esenti da IVA).

La scaletta dei primi 47 episodi del podcast

Episodio 1:
Come funziona il microstock

Tutti possono vendere le loro foto e i loro video online. Da anni esistono delle Agenzie che forniscono:

  • siti internet
  • agenzie pubblicitarie
  • produzioni televisive

con immagini e filmati.

La tecnologia ha permesso a chiunque di creare contenuti di qualità idonea alla vendita. Anche chi possiede un semplice smartphone può farlo.

In questo episodio introduco questo mondo spiegando che, per guadagnare, non è importante solo la tecnica, ma anche la conoscenza del mercato.

Episodio 2:
Bastano 1500 euro di attrezzature

Il produttore di foto e video da vendere online, grazie alla tecnologia, non è più il grande studio di produzione con altissimi budget.

Una miriade di:

  • videomaker
  • fotografi

amatori e professionisti, in tutto il mondo, guadagna anche decine di migliaia di euro all'anno creando contenuti con attrezzature che costano molto meno di quello che incassano in un solo mese.

Episodio 3:
Full frame o APS-C?

Ci sono delle grandi differenze tra utilizzare:

  • una reflex full frame
  • una reflex con il sensore APS-C.

Per vendere foto e video online bisogna scegliere l'attrezzatura giusta in base alla tipologia di soggetti che più si pensa di riprendere.

Con esempi concreti legati ad alcuni dei viaggi che ho fatto nelle grandi città, dimostro come le reflex con il sensore APS-C sono nettamente più indicate per riprendere le grandi Capitali europee, anche se non possono contare sulla stessa qualità di ripresa.

Episodio 4:
Le foto che vendono

Creare microstock:

  • non è un'arte
  • è un business.

Per questo le foto e i video che un nuovo arrivato potrebbe pensare che vendano, quasi sempre, invece non generano royalties.

Nell'episodio racconto di alcuni case study relativi a soggetti paesaggistici, in particolare la mia esperienza a livello di vendite con:

  • le Dolomiti
  • le spiagge della Sardegna

e, rispondendo ad un ascoltatore che ha scoperto il microstock da poco, gli spiego la strategia da seguire per valorizzare un archivio di footage legato alla produzione di videoclip musicali.

Episodio 5:
Foto e video che valgono miliardi

Il mercato della vendita di foto e video online cresce ogni anno a ritmi che già oggi l'hanno portato a valere miliardi di dollari. Nel 2014 Adobe comprò Fotolia, che era una buon agenzia ma di sicuro non la più importante, per 800 milioni di dollari, fatto che dimostra che il futuro di chi vuole guadagnare producendo video e foto passa attraverso il caricamento dei propri contenuti nei siti di microstock.

Episodio 6:
Perché non cominci a fare anche video?

Creare:

  • stock footage
  • oltre che immagini stock

significa moltiplicare per 10 i propri guadagni. Per una singola ripresa del palazzo dove ha sede la Banca Centrale Europea a Francoforte ho guadagnato 800 dollari, sommando le royalties di:

Vendite su Shutterstock di footage registrato a Francoforte

Vendite su Pond5 di footage registrato a Francoforte

Se mi fossi limitato alle foto non mi sarei ripagato nemmeno il pullman dall'aeroporto al centro.

Episodio 7:
Come riprendere le città italiane

Quanto si guadagna riprendendo le città Italiane?

L'Italia è piena di luoghi famosi e frequentati dai turisti, ma vale la pena riprenderli per poi rivendere foto e video nei siti di microstock?

Sono domande che in tanti si fanno, e in questo episodio cerco di dare a queste una risposta.

Episodio 8:
La medusa di Valencia

Riprendendo i soggetti che ci circondano a volte si possono guadagnare cifre inaspettate. Anni fa ho ripreso per pochi secondi con una telecamera amatoriale una vasca dell'acquario di Valencia con all'interno una medusa, e mi sono ripagato:

  • il biglietto di ingresso per due persone
  • il tempo perso per farlo

con le vendite di stock footage su Istockphoto.

Episodio 9:
Fatevi sempre pagare per il vostro lavoro

Nella società, in particolar modo nel business legato alla:

  • fotografia
  • videomaking

si sta diffondendo sempre di più la pratica di:

  1. non pagare chi lavora
  2. ridurre le professionalità più serie a confrontarsi nella guerra del prezzo con gli improvvisati del mestiere che chiedono cifre irrisorie.

Essere un produttore di microstock significa stare alla larga dai siti che regalano foto e video, e anche dalle collezioni molto economiche che non possono garantire a chi mette in vendita lì i propri contenuti una remunerazione adeguata.

Episodio 10:
Riprendere l'hotel e ripagarsi il soggiorno

Un buon produttore di microstock sa cogliere tutte le occasioni che gli si presentano per creare:

  • stock images
  • stock footage

da vendere nei siti delle Agenzie.

Vendite di footage su Pond5 che ha come soggetto una camera d'hotel

In questo episodio racconto come, in seguito ad un contrattempo avuto con la prenotazione di un hotel, ho creato dei video che, una volta venduti, mi hanno ampiamente ripagato del costo del pernottamento (e non solo di quello).

Episodio 11:
Posso toglierti ogni dubbio

Se si caricano contenuti su Shutterstock e Pond5, conviene impostare su quest'ultimo lo stesso prezzo (imposto) a cui l'agenzia concorrente li vende?

Videoblocks accetta video esportati con il codec animazione?

Se ci sono persone davanti ad un monumento che sto riprendendo, devo impostare la licenza editoriale?

Queste sono alcune domande a cui rispondo nell'episodio. In più cerco di spiegare i motivi per cui un ascoltatore ha venduto centinaia di volte una foto che pensava non sarebbe nemmeno stata accettata.

Episodio 12:
Il mercato democratico del microstock

La forte concorrenza tra Agenzie che vendono stock footage e stock images è garanzia, per i migliori produttori, di ricevere percentuali di royalties elevate:

  • Videoblocks

è riuscita ad entrare pochi anni fa nel mercato del microstock solo perché ha garantito a chi pubblicava i suoi contenuti nella sua collezione il 100% dell'incasso delle vendite che generavano e la possibilità di trasferire con un clic le schede tecniche del footage già caricato su Pond5 o Shutterstock.

Episodio 13:
Sono l'uomo più cattivo del mondo

Vendere foto e video online è un lavoro che, non avendo selezione all'ingresso, è svolto da gente che lo interpreta in maniera poco professionale. Quindi, persone come me, vengono spesso attaccate, in quanto colpevoli di spargere troppa conoscenza e causare un aumento della concorrenza tra produttori.

In questo episodio, tra le altre cose, leggo una carrellata di commenti apparsi sul web dopo l'annuncio della mia partecipazione ad un incontro organizzato dall'associazione fotografi professionisti (TAU visual) e dall'Istituto Europeo del design di Milano.

Episodio 14:
Microstocker i nuovi rapper

Tanti fotografi e videomaker che entrano nel mercato del microstock pensano da subito che questo sia una professione, ma interpretando il lavoro nel modo sbagliato, senza:

  • cercare di capire il mercato
  • creare processi produttivi efficienti

la vendita di foto e video online rimane per molti solo un hobby (poco) retribuito. O un ottima scusa per non fare niente di buono nella vita.

Episodio 15:
Non avere paura della concorrenza

Il microstock è un settore sempre più competitivo, ma battere la concorrenza è possibile se:

  1. si studia il mercato
  2. si creano procedure di lavoro efficienti

per creare stock footage e stock images.

L'aspetto tecnico della fotografia è importante, ma non è l'elemento che più di ogni altro determina la quantità di guadagni generabili dai contenuti. Solo chi lo capisce riesce a fare del microstock una fonte di reddito importante che può migliorare la vita.

Episodio 16:
Arriva Videoblocks enterprise

Con Enterprise, Videoblocks introduce le licenze estese, ovvero il riconoscimento del diritto del compratore di utilizzare i contenuti acquistati in progetti ad alto budget, in cambio di un prezzo d'acquisto più alto e garantendo al produttore dello stock footage una commissione di vendita del 60%.

Quelli di Videoblocks/Storyblocks sono riusciti, in anni in cui il mercato del microstock sembrava saturo di Agenzie, a ritagliarsi uno spazio tra i compratori di contenuti e tra i videomaker/fotografi, garantendo a quest'ultimi nella loro collezioni principale:

  • commissioni del 100% sulle vendite
  • semplicità nella fase di keywording.

Episodio 17:
È sempre più difficile creare microstock

Pond5 sta iniziando ad alzare i livello dei contenuti che seleziona, visto che la concorrenza tra produttori di foto e video è sempre più alta ed è oramai molto difficile creare stock footage e immagini stock che rappresentino qualcosa di diverso rispetto a quello che già si trova in vendita.

In questo episodio parlo anche del:

  • Global Partner Program di Pond5

Un programma di vendita con il quale Pond5 redistribuisce i contenuti dei produttori su altri siti.

Episodio 18:
Modernità e fotografi italiani

Tanti fotografi italiani interpretano il loro lavoro denigrando la modernità ma, a differenza dei tassisti con Uber, quegli stessi fotografi non possono nemmeno contare su una forza contrattuale che può prolungare la loro agonia professionale.

Queste persone credono erroneamente che:

  1. il microstock sia la ragione principale del calo dei lavori su committenza.
  2. Amazon sia il motivo per il quale non vendono più macchine fotografiche

Tutte idee legittime, ma che in un quadro generale serio della professione, dovrebbero essere valutate a fianco alle nuove opportunità che quest'epoca tecnologica aggiunge a quelle tradizionali.

Episodio 19:
Non è un peccato guadagnare

Il web porta certa gente a pensare che sia lecito aspettarsi che tutto sia gratis. Invece ,se si interpreta professionalmente il proprio lavoro, si impara che i servizi a pagamento, molto più di quelli gratuiti, sono in grado di migliorare la vita delle persone.

Imparare da un corso a fare delle cose o, meglio ancora, a guadagnare, implica che la vera perdita per sé stessi non sia spendere soldi per acquistarlo, ma risparmiarli non usufruendo degli insegnamenti contenuti in questo.

Episodio 20:
L'impero dei film amatoriali

Creare sul web un business legato al video o alla fotografia non è alla portata di tutti, vista l'enorme concorrenza che c'è nel settore.

In questo episodio racconto i retroscena del sito in cui vendo direttamente i film amatoriali storici girati su pellicola 8 mm che compro in giro per il mondo e restauro. Un business che è partito come vendita di stock footage nelle agenzie e, raggiunto un certo livello di qualità, è riuscito a diventare un progetto parallelo di vendita:

  • diretta
  • automatizzata

che sta contribuendo ad aumentare i miei incassi.

Screenshot di un pagamento ricevuto su Paypal per la vendita di stock footage

Episodio 21:
Girare microstock in due

Per guadagnare con il microstock, la considerazione da cui partire è che essere dei

  • bravi imprenditori

è decisamente più importante di essere dei

  • fotografi o videomaker tecnicamente impeccabili.

Ci sono semplici decisioni che, se prese nel modo sbagliato, possono interrompere una carriera ancor prima che questa inizi, quindi è fondamentale ascoltare i consigli di chi, su quelle stesse decisioni, ci è passato tanti anni prima.

Episodio 22:
Vendere foto e video senza agenzie

Creare un sito dove vendere

  • le proprie foto
  • i propri video

senza bisogno di rivolgersi alle agenzie di microstock, è possibile, ma serve avere un'idea differenziante per dare ai compratori un motivo per acquistare contenuti in una piattaforma diversa da quelle che usano di solito.

I primi passi per farlo sono:

  • aprire un canale Youtube
  • comprare un dominio

per cominciare a pubblicare video "sporcandoli" con un watermark che fa apparire in sovripressione su quegli stessi video l'url che si è comprato.

Se si riesce a riempire il canale di filmati e si riceve qualche contatto da persone interessata all'acquisto, in modo tale da avere la dimostrazione che quello che si fa ha un senso commerciale, allora si può passare alla fase successiva:

  1. creare il sito
  2. automatizzare il processo di vendita e consegna delle immagini stock o dello stock footage.

Episodio 23:
Come entrare nel mondo digitale

Il microstock è per un fotografo il modo migliore per entrare nel business digitale perché, una volta partiti, tale business può anche andare oltre le stock images.

La cronaca è piena di notizie che dimostrano che il mondo del lavoro non è più fondato su certezze che c'erano anche solo 5 anni fa, e si sta muovendo verso modelli di business basati sul digitale.

In questo episodio racconto la storia di un fotografo amatoriale che grazie alle immagini stock e alla sua intraprendenza ha trovato nuove opportunità professionali.

Episodio 24:
Ogni giorno bisogna imparare

Il business del microstock obbliga i produttori ad aggiornarsi di continuo, perché dietro l'angolo c'è sempre:

  • un nuovo concorrente in arrivo
  • una regola che è cambiata.

Fare l'imprenditore nel mondo del digitale, non prevede che per avere successo ci sia bisogno di raccomandazioni e favoritismi, ma solo di mettere in campo:

  • tanta qualità
  • tanta perseveranza.

Episodio 25:
Compro la tua foto per rivenderla

Se ci sono loghi, volti o insegne luminose basta solo pubblicarli con licenza editoriale per non incorrere in problemi di copyright?

Vorrei caricare dei video realizzati con la GoPro Hero4 black su Videoblocks. La cosa che mi lascia perplesso è la dimensione del file finale. Possibile che per soli 4 secondi di video un .mov pesi oltre 50 mb?

Ho comprato dei video da un regista che conosco per poterli vendere  come stock footage con il mio profilo. Secondo te che tipo di accordo è necessario?

Abito in una zona piena di fabbriche e piccoli artigiani che fanno i lavori più disparati, dal macellaio al calzolaio. Potrebbe avere un senso concentrarsi su video, passami il termine, “industriali”?

Ho visto che pond5, quando carichi in 4k, adesso dà all’acquirente l’opzione di scaricare il file in HD. Quindi conviene caricare a quella risoluzione, giusto?

Conviene rendere pubbliche le Collections di Pond5?

Se io, compratore/produttore, comprassi dello stock footage, diventerei proprietario di quei video. Chi mi impedirebbe allora di eliminare i primi due/tre secondi e rimetterlo in vendita come prodotto mio?

Nel XXV episodio rispondo a queste e ad altre domande sul microstock.

Episodio 26:
Eliminate le distrazioni dal business

Organizzare la produzione di microstock, riuscendo ad evitare tutte le distrazioni, aumenta i guadagni di foto e video ben più di quanto lo faccia la tecnica.

In questo episodio parlo di questo, e rispondo anche a delle domande:

Multcloud.com è un buon servizio per spedire le foto?

Cosa ne pensi della GoPro HERO5 per il microstock?

Ho una Nikon D7000 e posso scegliere solo il formato full hd a 24p e non 25p. Posso lasciarlo a 24p e caricarlo su Pond5?

Sul tuo sito dici che non bisogna post-produrre i video. Ma che tipo di picture control consigli in fase di ripresa?

Episodio 27:
Fotografia offline Vs fotografia online

Creare immagini da vendere nei siti di microstock richiede un cambiamento di

  • mentalità
  • procedure

a chi ha sempre fatto il fotografo. Oltre a spiegare perché questo succede, nell'episodio rispondo anche a queste domande:

Cosa ne pensi della vendita di filmati attuali registrati con pellicola super 8 e digitalizzati?

Sono stato diversi mesi in Sud America e ho accumulato un sacco di materiale video. Proporre un montato alle agenzie di viaggio potrebbe essere un'idea?

Ho visto in alcuni video un effetto che si chiama Ken Burns, lo conosci? Sai se è difficile da realizzare con Premiere? Potrebbe essere una tecnica carina per ravvivare qualche time-lapse?

Ho una Canon EOS 600d, ma vorrei passare ad una reflex che registra video in 4k. Come macchina cosa mi consigli?

Ha senso mettere in vendita lo stesso time-lapse sia nelle forma statica, che facendo uno zoom-in costruito in After Effects?

E' vero che servono almeno 6 mesi per vendere una foto una volta caricata?

Episodio 28:
Il futuro non è domani

Avere fretta di guadagnare nel microstock, come in qualsiasi altro business legato al digitale, è il primo presupposto perché le cose vadano male, visto che i risultati economici si vedono sul medio-lungo periodo e cercare di portare i soldi a casa subito comporta la creazione di una strategia che:

  • dà difficilmente risultati anche nell'immediato
  • non ha possibilità di avere successo alla lunga.

Episodio 29:
Fotografia matrimoniale mai

Fotografare e riprendere matrimoni significa:

  • lavorare in un settore governato da aste al ribasso
  • avere come concorrenti gente che si svende per 50 euro al giorno.

Le stesse logiche valgono oggi anche nel settore dei filmati industriali, per lo meno in quelli dai budget non elevati.

Saper fotografare e saper riprendere significa avere un potenziale espressivo che può valere decine di migliaia di euro l'anno se si sa usarlo nella direzione giusta, che non significa solo creare microstock, ma anche portare avanti altri tipi di business legati ad internet.

Episodio 30:
4 ore a settimana 3000 dollari al mese

Dopo anni di sacrifici il microstock mi occupa oggi per poche ore a settimana, permettendomi di:

  • guadagnare quello che mi serve per vivere degnamente
  • creare nuovi business.

Vendere foto e video online rappresenta una rendita passiva che grazie ai vantaggi che produce, se si lavora bene, può cambiare la vita in meglio.

Screenshot paypal delle vendite del microstock

Episodio 31:
La matematica del business

Il microstock viene spesso scambiato per un hobby, quindi gran parte delle persone che vendono foto e video online evitano di rispondere alle tipiche domande che si deve fare chiunque voglia creare un business sano:

quanto bisogna farsi pagare per un'ora di lavoro?

Quante ore al giorno si può produrre sul totale delle ore che si lavora?

Quante spese sono state affrontate per generare quell'entrata?

In questo episodio cerco di mettere un po' di chiarezza in quest'ambito.

Episodio 32:
L’eredità digitale

Foto e video pubblicati nei microstock come:

  • Pond5
  • Shutterstock
  • Videoblocks

sopravvivono all'autore che li ha creati, venendo tramandati ai suoi eredi mentre generano ancora guadagni.

Cosa bisogna fare per evitare problemi nei lasciti ereditari?

Episodio 33:
Perché Shutterstock approva tutti i miei contenuti?

C'è un'opinione condivisa sui forum di microstock:

le agenzie stanno alzando il livello della selezione dei contenuti che i produttori inviano.

Ma è proprio vero?

In questo episodio speciale, creato solo con le risposte alle domande più comuni dei produttori di microstock, rispondo a:

Come si realizza la messa a fuoco su due piani diversi?

Negli hyperlapse, mano a mano che si va avanti, bisogna lavorare sullo zoom per non far uscire il soggetto dall'inquadratura?

C'è un metodo per caricare il portfolio di Shutterstock su Bigstockphoto?

Episodio 34:
La mentalità digitale

Mettere la propria professionalità su internet significa avere potenzialmente:

  • milioni di clienti
  • migliaia di concorrenti.

Tutti presupposti che 20 anni fa erano impensabili e che comportano che per non rimanere scottati dal mondo che sta vendendo avanti si debba dimenticare tutto quello che si crede di sapere a livello di business e ricominciare da capo.

Questo oggi vale anche per la fotografia, non solo quella legata al microstock dove vigono i concetti di:

  • scalabilità
  • rendita passiva

che possono cambiare la vita delle persone, almeno di quelle che vogliono imparare ad usare la tecnologia.

Episodio 35:
Clienti che non pagano: cosa fare?

Mettere il proprio business nel mondo digitale è l'antidoto a tanti mali odierni per chi fa seriamente impresa, anche nel campo della fotografia e del video.

La soluzione ai cattivi pagatori, che oramai sembrano diventati la regola in Italia, non è l'Avvocato e non è nemmeno perdere tempo a rincorrerli. E':

  1. creare una tipologia business che permetta di evitarli
  2. svolgerlo su internet, dove le procedure di pagamento e i clienti stessi sono diversi.

Episodio 36:
Essere meglio dell'Italiano medio

Il web è pieno di persone che promettono soluzioni miracolose, ma il modo più efficace per avere una vita migliore di chi ci circonda è:

  1. studiare
  2. lavorare

mentre gli altri riposano e si divertono.

Non è un sacrifico che dura tutta la vita, ma per avere successo nei nuovi business come la vendita online di foto e video, bisogna passare i primi tempi faticando e senza vedere risultati.

Episodio 37:
Otto giorni per vendere su Videoblocks

Videoblocks è l'agenzia più nuova tra i microstock, e proprio per questo motivo permette anche a chi ha appena scoperto lo stock footage di guadagnare in tempi più brevi, senza i favoritismi che i motori di ricerca delle Agenzie come:

  • Pond5
  • Fotolia
  • Shutterstock

fanno ai contributor di lunga data.

In questo episodio, tra i tanti quesiti, rispondo alle seguenti domande:

Conviene incassare subito i soldi guadagnati nelle agenzie?

Aumentando le visite al proprio portfolio con la SEO, le agenzie fanno salire i miei contenuti nelle ricerche?

Con After Effects potrei creare dei video in compositing, aggiungendo elementi 3d realistici. Credi che potrebbe valer la pena realizzare footage del genere?

Ho installato un profilo colore technicolor cinestyle sulla mia Canon. Secondo la tua esperienza le foto scattate con questo vanno bene per i microstock?

Episodio 38:
Perché vendo solo time-lapse perfetti

Il mondo dello stock footage oggi è così concorrenziale che per vendere un contenuto relativo ad un soggetto c'è bisogno di:

  • una realizzazione impeccabile
  • un'idea differenziante.

Purtroppo sono finiti gli anni in cui bastava impiegare mezz'ora per riprendere un time-lapse notturno dell'Arco di Trionfo e, senza tanta fatica, guadagnare migliaia di euro, come mi è effettivamente successo in passato.

Incassi su Pond5 di un time-lapse girato a Parigi

Episodio 39:
Le keyword giuste per le foto

Scegliere le keyword giuste nel microstock serve per guardagnare altrettanto che creare contenuti perfetti tecnicamente.

Ma quali informazioni bisogna avere per saperlo fare bene?

Per esempio:

Perché la keyword Via della Spiga è mal indicizzata dalle Agenzie?

In questo episodio rispondo anche ad altre domande:

Che prezzo devo impostare per i contenuti che vendo su Pond5?

Esistono dei software più economici di After Effects per post-produrre i time-lapse?

Ci sono strumenti affidabili per misurare la vendibilità delle keyword dello stock footage?

Episodio 40:
Voi Blockbuster io Netflix

La storia della mia partecipazione ad una tavola rotonda sui lavori del futuro, dove mi sono leggermente alterato quando gli altri relatori, pur rivolgendosi a dei giovani interessati a capire che percorso professionale svolgere, hanno iniziato a tirare acqua al loro mulino dicendo cose che, a mio avviso, andavano bene negli anni 90.

Un episodio speciale del podcast, dove non si parla come al solito di vendita di foto e di video online, ma delle immense potenzialità che il saper comunicare con le immagini ha nell'epoca del digitale. Oggi:

  • ogni fotografo
  • ogni videomaker

seguendo le regole moderne della comunicazione, può intraprendere un percorso lavorativo in grado di migliorare la sua vita, e in questa puntata spiego come.

Episodio 41:
Shutterstock e i contenuti editoriali

Un contenuto può essere inizialmente venduto con la licenza commerciale e  diventare editoriale dopo una rivendicazione. A quel punto l'Agenzia può:

  • ripulire la sua collezione dai contenuti analoghi
  • fare finta di niente, rischiando di mettere nei guai il produttore.

Su segnalazione di un ascoltatore, ho scoperto cosa fa Shutterstock con una fotografia scattata in luogo d'Italia che in pochi potrebbero immaginare che sia da considerare come protetto dalle Leggi sul copyright.

Episodio 42:
Intelligenza artificiale e keywords

C'è uno strumento che, interpretando una qualsiasi foto, riesce ad associare a questa le keyword, con una precisione che sembrava inarrivabile fino a ieri.

L'ho provato, testando diverse tipologie di immagini, e in questo episodio spiego che si potrebbe trattare di una svolta in grado di rivoluzionare il mondo del microstock, permettendo ai fotografi di concentrarsi sulla creazione dei contenuti e lasciando la compilazione delle:

  • descrizioni
  • keyword

all'intelligenza artificiale.

Episodio 43:
Mykeyworder

Mykeyworder è uno strumento gratuito online, nonché un plug in di Lightroom, che:

  1. può ricavare le keyword delle foto che si caricano.
  2. può proporre delle parole chiave aggiuntive, partendo da una semplice descrizione della foto inserita dall'utente.

Il suo uso è quindi fondamentale per ridurre il carico di lavoro legato alla fase più noiosa del microstock:

  • la compilazione delle schede tecniche dei propri contenuti.

In questo episodio parla anche del nuovo progetto lanciato da Shutterstock, ovvero offset.com, e dell'uso dei .csv per trasferire dati da un'agenzia all'altra.

Episodio 44:
Migliori di un mondo ignorante

Internet abbatte le barriere culturali che ci sono sempre state. Oggi, ovunque si viva, si hanno le stesse possibilità di apprendimento di chi abita a Manhattan o in centro a Londra, perché:

  • la musica si ascolta su Itunes
  • i libri si acquistano su Amazon
  • l'Università di Harvard ha pubblicato gratuitamente online i suoi corsi di fotografia.

In un mondo che dà queste possibilità l'unica cosa che conta è la voglia di imparare delle persone, e il modo più facile per migliorare la propria vita è studiare e aver voglia di migliorarsi ogni giorno.

Episodio 45:
Più tempo o più soldi?

La sfida di chi prova a fare business con la vendita di foto e video online è la stessa di chiunque faccia business con il digitale:

  • vivere meglio (magari delegando alle macchine i lavori meno piacevoli).

Il risultato finale, in questo presupposto, non è tanto riuscire a guadagnare di più, ma avere a disposizione il tempo che serve fare quello che più piace.

In questo episodio rispondo anche a queste domande:

Perché i time-lapse necessitano di stabilizzazione dato che si fanno con cavalletto?

Su Pond5 non trovo la possibilità di etichettare i video come editoriali. Come devo fare in quel caso?

Secondo te ha senso fare dei time-lapse con movimento pan, sia orizzontale che verticale, con un Osmo?

Secondo te è normale che dopo 3 mesi io non abbia venduto ancora niente?

Episodio 46:
2140 dollari in un mese da Pond5

Pond5 è l'agenzia più profittevole per i produttori di stock footage, sia per le vendite singole, sia perché, attraverso la partecipazione dei contributor alla loro membership area, garantisce a chi è stato selezionato un'entrata fissa mensile.

In questo episodio rispondo anche alla domanda:

quali programmi è meglio utilizzare per creare time-lapse e hyperlapse?

Poi parlo di un case history relativo a delle stock images di militari della Corea del Nord e della nuova versione di Lightroom CC.

Screenshot dei guadagni mensili di Pond5

Episodio 47:
Vendere foto della Corea del Nord

Saper creare stock images e stock fotoage che vende, significa anche saper cogliere le occasioni. In questo episodio racconto la storia di un fotografo che ha venduto bene su Shutterstock delle immagini di militari Nord Coreani ritratti (per caso) nella Piazza Rossa a Mosca.

Oltre a questo, grazie alle segnalazioni di alcuni ascoltatori spiego:

  • perché i video su Istockphoto non conviene più venderli
  • cosa bisogna fare quando agenzie come 123rf chiedono ad un produttore di mettere a disposizione contenuti in cambio di una libera donazione.

Attenzione, il prezzo si intende IVA esclusa. Se si indica che il pagamento viene effettuato dall'Italia, l'IVA è del 22% (10,34 euro). Se si indica che il pagamento viene effettuato dall'estero valgono le norme sull'IVA vigenti in quel Paese (Svizzera, San Marino, USA e molti altri Paesi sono esenti da IVA).

Clickbank, il sito che gestisce il pagamento in assoluta sicurezza, rilascia una normale ricevuta. Qualora servisse la fattura, per favore, prima di effettuare l'acquisto, contattami (fallo senza problemi anche se hai qualsiasi altro dubbio, perché voglio continuare ad avere solo clienti soddisfatti).

Il podcast sarà consultabile immediatamente dopo l'acquisto in un'area riservata che include i 47 episodi e i testi degli stessi.

ClickBank è il rivenditore dei prodotti su questo sito. CLICKBANK è un marchio depositato di Click Sales, Inc., una società per azioni di Delaware con la sede a 1444 S. Entertainment Ave., Suite 410 Boise, ID 83709, USA e viene utilizzato con autorizzazione ufficiale. Il ruolo di ClickBank come rivenditore non rappresenta sponsorizzazione, affiliazione o sostegno di questo prodotto o qualsiasi affermazione, dichiarazione o opinione utilizzato per la promozione di questo prodotto.