Ho pensato di regalarti un video bonus per farti diventare ancora più professionale:

Per controllare le tue statistiche su Shutterstock, è necessario che ti colleghi a www.submit.shutterstock.com.

In questa pagina, come prima cosa, ti faccio notare una scritta:

che può passare un po' inosservata e che in Italiano suona più o meno come:

Shutterstock ha clienti da più di 150 Stati e ha pagato ai suoi contributori, vale a dire a noi fotografi e videomaker, oltre 500 milioni di dollari di royalties

alla faccia di chi sostiene che il microstock è un giochino per ragazzini, che è più o meno quello che sosteneva Blackberry quando è uscito l'Iphone e sappiamo tutti come è andata a finire.

Tu che sei già utente devi cliccare:

Sign in, che è diverso dal tasto rosso Sign up che invece è riservato a chi non è ancora iscritto.

Compila i due campi:

con la mail con cui ti sei registrato e la password, poi clicca il captcha, la cui funzione è comunicare al sito che non sei un robot, ovviamente non credono che tu sia Goldrake, ma potresti essere un BOT, ovvero quei programmi automatici che possono fare tanti danni.

Se i tuoi dati sono corretti arrivi sulla dashboard:

cioè il pannello di controllo riservato ai produttori, dove trovi i primi dati interessanti. Sarò venale, ma parlo anche questa volta di soldi, perché qui ci sono i tuoi guadagni totali da quando hai effettuato l'iscrizione:

28.558 dollari e 51 centesimi, nel mio caso. Come vedi prima del 51 c'è il punto e non la virgola, perché il sito è in inglese e da quelle parti si usa così. Poi c'è il numero totale dei tuoi file scaricati dai compratori, che nel mio caso sono solo video e sono 1483. Se fai la divisione fra i 2 numeri il risultato è 19,25 dollari a vendita, che sono cifre inarrivabili per le foto.

A fianco puoi invece verificare quanto quell'importo, 28.558 dollari e 51 centesimi, sia relativo a:

Cart Sales, ovvero vendite singole, Clip Packs, ovvero pacchetti di contenuti che Shutterstock offre a prezzi scontati, o Referrals, che sarebbero gli utenti da te invitati ad iscriversi all'Agenzia e le cui vendite, per il primo anno, ti generano una piccola percentuale, che viene sottratta a Shutterstock, non ai tuoi amici.

Cliccando invece su questo menu a discesa:

c'è la possibilità di vedere queste stesse statistiche relativizzandole alle sole foto o ai soli video, o contingentandole a livello temporale:

abbiamo detto che di norma i risultati che si vedono sono relativi all'intero periodo di contribuzione, ma puoi anche vedere cosa è successo nell'anno in corso, inteso come anno solare, vale a dire che il primo gennaio le troverai a zero, o nel mese in corso, quindi il primo del mese le troverai ugualmente a zero, almeno a mezzanotte ora di New York, dove ha sede Shutterstock, da un secondo dopo ti auguro di guadagnare a ciclo continuo.

Altro numero che salta agli occhi è questo:

ovvero l'importo che loro chiamano non pagato, ma, attenzione attenzione, che in realtà non è proprio corretto definirlo così, perché, anche qui, si tratta dell'importo maturato nel mese in corso. Se fosse l'importo non pagato, nei primi giorni del mese, fino all'invio dei soldi da parte di Shutterstock che di solita avviene dal 5 al 7 del mese successivo, dovresti vedere sommate le royalties maturate il mese prima, cosa che non succede.

Poi c'è questo grafico:

che ti mostra le royalties che hai incassato nei 3 mesi pieni precedenti, che come vedi nel mio caso non sono andati benissimo, anche perché forse dovrei concentrarmi di più sul microstock e un po' meno su questi tutorial, ma questo è un altro discorso, e c'è anche questa mappa:

che è interessante, anche se forse in questo momento la mia connessione a nafta fa i capricci e la rende incompleta, perché dovrebbero apparire dei fumetti che mostrano dove i tuoi specifici contenuti sono stati acquistati.

Da questa pagina puoi andare anche su:

upload images o upload videos, ma per caricare, prendilo come un consiglio almeno per quanto riguarda Shutterstock, visto che su Pond5 già è diverso, è molto meglio se utilizzi un software ftp o multcloud che sono: uno più stabile e l'altro più veloce, salvo che tu non abbia una connessione molto performante, intendo decisamente meglio della mia, alla faccia di quelli che quindici anni fa dicevano che nel 2010 l'Italia sarebbe stata interamente cablata.

L'ultima parte davvero interessante di questo pannello di controllo è il menu earnings:

che significa guadagni. Cliccando prima lì e poi su:

Earnings summary, trovi una tabella che ti mostra giorno per giorno quello che hai portato a casa, con la possibilità, cliccando sulle singole date:

di vedere nel dettaglio i contenuti che hai venduto. Permettimi:

se adesso tu fotografo stai morendo d'invidia per quei 105 dollari relativi ad una singola vendita, sappi solo che non mi inventavo nulla quando ti invitavo caldamente a passare al video. In più, se ti stai chiedendo se il secondo stock footage l'ho girato in Asia, la risposta è no, ero a Vienna, ed è proprio per quello che ti spiegavo che oltre alla macchina fotografica allo zoo devi portarti anche il cavalletto.

Spero di esserti stato d'aiuto!

Conta sempre su di me se hai dubbi sul microstock e non dimenticarti che, come ti avevo promesso, se vuoi acquistare il resto del corso con lo sconto di quello che hai già pagato puoi cliccare qui.

Stockfootage.it è una produzione Dafactory di Daniele Carrer. P.IVA 04666280260